Casa della Marchesa: a Taranto una rara testimonianza della nobiltà del ‘700

Casa della Marchesa: a Taranto una rara testimonianza della nobiltà del ‘700

perfettamente conservata, Casa della Marchesa è la dimora nobiliare de Beaumont Bonelli Bellacicco risalente al XVII secolo, visitabile su prenotazione

Casa della Marchesa è ubicata sull’Isola Madre di Taranto, al secondo piano del Palazzo de Beaumont Bonelli in Corso Vittorio Emanuele II n 39, praticamente sopra il noto museo spartano, tra le prime attrazioni turistiche della città. 

Il palazzo è stato eretto alla fine del 1600 al di  sopra delle strutture pre-esistenti consistenti in ambienti ipogeici (i fondatori della città scavare il il banco di calcarenite per reperire materiale da costruzione – il frutto degli scavi si dette origine ai cosiddetti ipogei, e, tra questi, l’ipogeo de Beaumont Bonelli Bellacicco, noto museo spartano

La famiglia de Beaumont Bonelli ha abitato il palazzo sino agli inizi del 1900. A causa dell’estinzione della famiglia stessa il palazzo è stato venduto e modificato nel suo interno dal proprietario. Di particolare rilievo è il sistema di approvvigionamento idrico presente al quarto livello di quota, costituito da cisterne e condotti, scavati nel banco di roccia calcarea, e utilizzati per la raccolta di acque dolci pervenienti da un fiume carsico.

Essa testimonia la ricchezza artistica della nobiltà tarantina nei secoli XVII e XVIII: l’ingresso presenta un soffitto ligneo e le caratteristiche pareti su cui spicca l’emblema della famiglia de Beaumont Bonelli .

Molto pittoreschi sono il pavimento di maioliche del XVIII sec. e gli affreschi parietali che riproducono motivi floreali a predominanza verde.  

Gli affreschi della Casa della Marchesa riportano immagini delle attività produttive della Taranto del XVIII sec. Meravigliosi anche i volti di donna raffigurati con numerosi suppellettili preziose.  

La Cucina della casa nobiliare presenta affreschi che riproducono immagini naturali (alberi, piante e animali da campagna) sul tetto e sulle pareti. In particolare la canna fumaria dell’antica fornacetta è stata dipinta e trasformata in albero di fichi.

La Casa della Marchesa de Beaumont Bonelli è oggi l’unica testimonianza ancora visibile della nobiltà tarantina del XVII sec.  

Vuoi essere aggiornato circa le nostra attività? ISCRIVITI al servizio Newsletter