Categoria: Attrazioni ed Escursioni

Pino di Lenne, qui si trova il pino d’Aleppo più antico d’Europa

Citata da Tito Livio in ab urbe condita e sede di famosi film e videoclip, Pino di Lenne è il piccolo paradiso a pochi km da Taranto Il nome della località Pino di Lenne trae origine dai boschi di pino d’Aleppo che circondano la foce del fiume Lenne. Tra questi puoi ammirare il pino d’Aleppo […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

Ponte di Pietra (o di Porta Napoli), dove si uniscono le acque più pescose

Sotto al Ponte di Pietra, le acque dei due mari di Taranto si abbracciano in un’avventura di vita, per questo considerate tra le più pescose Il Ponte di Pietra, detto anche di Porta Napoli, dedicato a Sant’Egidio, fu costruito nel 1883, dopo che un’alluvione distrusse il ponte di sette arcate presente dal X secolo. Qui […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

La piccola Chiesetta incastonata nel cortile di un palazzo del Borgo

Si chiama “Chiesetta di San Francesco da Paola al Borgo”, denominata anche “il piccolo Duomo” per via della sua somiglianza con quello di Milano Trovi la chiesetta di San Francesco da Paola nel cortile di un palazzo del borgo umbertino in via Cavour 51, riportata a nuova vita, dopo anni di degrado, da due cittadini […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

L’Atleta di Taranto: chi era e perché la sua tomba è così importante

La tomba dell’Atleta di Taranto fu ritrovata in via Genova 9, in occasione dello scavo per le fondamenta di un palazzo. Ora è custodita al Mar.Ta. Il 9 dicembre 1959, a Taranto, all’altezza del civico n. 9 di Via Genova, in occasione della costruzione delle fondamenta di un edificio, fu rinvenuta una tomba che mostrava […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

Gravina di Sant’Andrea, la meraviglia frequentata dal Neolitico fino al ‘900

La Gravina è alle pendici di Montemesola, nel Parco Naturale Regionale Terra delle Gravine e custodisce uno dei più grandi frantoi ipogei della Puglia La Gravina di Montemesola, detta di Sant’Andrea, è un’incantevole oasi naturale frutto di ciò che resta dell’antico insediamento rupestre, ricco di biodiversità naturale. Era frequentata dal Neolitico e fino alla seconda […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

L’unica cascata circondata da grotte preistoriche: la Gravina di Riggio

La Gravina di Riggio si trova in uno dei tanti canyon naturali che solcano il territorio di Grottaglie nel Parco Naturale Regionale Terra delle gravine Una valle con un laghetto, una piccola cascata naturale – unica in Puglia – e tante testimonianze storiche, dalla preistoria al X secolo. La Gravina di Riggio nasce a 4 […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

Ecco lo SPOT per TARANTO CAPITALE DELLA CULTURA 2022

“La cura per ogni cosa è l’acqua salata: sudore, lacrime, o il mare” è il fil rouge dello spot per Taranto capitale della cultura 2022 (foto di copertina: Daniele Correnti) Taranto Capitale italiana della cultura 2022, la Città dei Due Mari e dei Delfini è in finale insieme a Bari. Per sostenere la candidatura, il […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

I murici, la porpora e l’antica collina dei coccioli sotto Villa Peripato

I murici rappresentano un ricercatissimo piatto della cucina tarantina; un tempo, erano preziosa fonte dei pregiati colori purpurei dei mantelli e materia prima per le officine sul Mar Piccolo I murici, chiamati anche “Lumache di mare” o, a Taranto, “Coccioli” sono dei molluschi dall’aspetto inconfondibile e dal sapore davvero particolare. Sono caratterizzati all’esterno da una […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

Festa dell’Immacolata, patrona di Taranto per i miracoli del 1710 e del 1743

Alla stessa stregua di San Cataldo, l’Immacolata è patrona di Taranto sin dal 1943: la Vergine salvò la Città dei Due Mari da due violenti terremoti La Festa dell’Immacolata è un momento solenne per Taranto che rende onore alla Vergine per aver salvato la Città dei Due Mari dal violento terremoto del 1710 e da uno […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL

Festa di Santa Cecilia: inizia a Taranto il Natale più lungo d’Europa

Le radici di questa tradizioni affondano nelle melodie suonate dai pastori d’Abruzzo che, durante la transumanza, scendevano nella nostra terra con le loro greggi, muniti di zampogne, ciaramelle e cornamuse e suonavano per i vicoli della città Il 22 novembre c’è la tradizionale festa di Santa Cecilia che dà l’avvio al Natale tarantino, il più […]

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL
Back To Top