Ultime news

Nuovi aiuti alle imprese per investimenti produttivi e per il rilancio dell’occupazione

il Governo ha dato vita a nuovi fondi e aiuti alle imprese dei territori dell’area di crisi industriale (Crispiano, Massafra, Montemesola, Statte e Taranto), con l’obiettivo di rafforzare il tessuto produttivo locale e attrarre nuovi investimenti

(foto di Aldo Fedele Cgr)

Finalmente arrivano fondi e aiuti alle imprese dell’area di crisi industriale di Taranto e provincia.

La buona notizia è che la misura punta a sostenere principalmente investimenti produttivi, occupazionali e nell’ambito della tutela ambientale.

Quindi non più finanziamenti generici volti ad aiutare chiunque abbia una mezza idea di business, ma chi invece ha progetti seri di investimento che prevedano assunzioni nel breve e nel medio termine.

Vediamo in cosa consistono questi aiuti alle imprese:

Le iniziative imprenditoriali devono prevedere la realizzazione di:
a. programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione;
b. programmi occupazionali finalizzati ad incrementare il numero degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.
2. Le iniziative imprenditoriali debbono prevedere programmi di investimento con spese ammissibili di importo non inferiore a euro 2.000.000,00 (duemilioni).

Le aziende si devono impegnare a concludere, entro il dodicesimo mese successivo alla data di ultimazione del
programma di investimento, il programma occupazionale proposto ed a non decrementare nei successivi tre anni il numero degli occupati.

Nel caso di decremento dell’obiettivo occupazionale nei limiti del 50% di quanto previsto, le
agevolazioni sono proporzionalmente revocate. Per decrementi superiori al 50% la revoca è totale. 

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, alle condizioni ed entro i limiti delle intensità massime di aiuto previste dal regolamento (UE) n. 651/2014 (“Regolamento GBER”).

Il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% degli investimenti ammissibili.

Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore al 8% della spesa ammissibile.

L’importo complessivo massimo del contributo in conto impianti e dell’eventuale contributo diretto alla spesa è determinato, in relazione all’ammontare del finanziamento agevolato, nei limiti delle intensità massime di aiuto previste dal Regolamento GBER.

Le domande di agevolazione debbono essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.a. – Invitalia, a pena di invalidità, secondo le modalità e i modelli indicati nell’apposita sezione dedicata alla legge n. 181/1989 del sito istituzionale dell’Agenzia medesima (www.invitalia.it).

Le domande di agevolazioni debbono essere presentate a partire dalle ore 12.00 del 28 settembre 2018 e sino alle ore 12.00 del 27 novembre 2018.

(foto di Aldo Fedele Cgr)

Gli aiuti alle imprese riguardano in particolare i seguenti comparti produttivi:

» Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti, con esclusione dei mezzi di trasporto;
» Attività di imballaggio e confezionamento per conto terzi;
» Alberghi e strutture simili;
» Villaggi turistici;
» Affittacamere, case vacanze, bed and breakfast;
» Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature);
» Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi;
» Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche;
» Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca;
» Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi;
» Fabbricazione di altri mezzi di trasporto (intera divisione nel rispetto dei limiti imposti dalla
disciplina comunitaria in riferimento alla cantieristica navale);
» Produzione di gelati;
» Produzione di prodotti di panetteria freschi;
» Produzione di paste alimentari, cuscus e altri farinacei;
» Lavorazione del caffè;
» Produzione di birra;
» Industria delle bibite analcoliche, acque minerali, e altre acque in bottiglia;
» Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici;
» Fabbricazione di giochi (inclusi i giochi elettronici);
» Pubblicazione di elenchi e mailing list;
» Edizione di software;
» Produzione di software;
» Ricerca scientifica e sviluppo.

Gli aiuti alle imprese puntano a porre rimedio all’alto tasso di disoccupazione, per queste le aziende in questione dovranno assumere disoccupati residenti nei comuni dell’area di crisi o che abbiano avuto ultima occupazione presso
unità produttive localizzate nell’area di crisi.

Come sempre gli esperti Made in Taranto in Finanza Agevolata e Marketing sono pronti a fornirvi ulteriori informazioni in merito per le quali è sufficiente compilare il modulo seguente:

Vi preghiamo di compilare i campi fornendo in modo chiaro e approfondito tutte le informazioni utili a comprendere i vostri bisogni. Grazie

* indicates required field

Top Reviews

Video Widget