La cozza tarantina, regina dei mitili, diventa presidio Slow Food

3 protocolli d’intesa siglati tra Fondazione Slow Food, Cnr e Soprintendenza lanciano la cozza tarantina verso un nuovo futuro di tutela e valorizzazione

La cozza tarantina diventerà presidio Slow Food che avrà l’obiettivo di promuoverne bio-diversità, genuinità e qualità.

La firma del protocollo d’intesa tra il Comune di Taranto, Fondazione Slow Food, Soprintendenza ai beni Artistici e Paesaggistici di Taranto, Brindisi e Lecce e Cnr ne garantirà l’esecutività.

Il progetto di valorizzazione della cozza tarantina include anche interventi di miglioramento dell’accessibilità e della viabilità della costa del Mar Piccolo, la riappropriazione degli spazi presenti nel sedime del 65° Deposito, l’eliminazione di detrattori paesaggistici lungo la costa, la piantumazione di specie arboree e il recupero delle antiche tradizioni della mitilicoltura nel Mar Piccolo.

La cozza tarantina è famosa per le sue peculiarità di essere grossa e profumata e per il gusto dolce dovuto alla mitigazione della salinità delle acque grazie alla presenza dei citri, sorgenti di origine carsica, che, a 60 metri di profondità nel Mar Piccolo, immettono acqua non salata ideale per l’accrescimento dei mitili.

Vuoi essere aggiornato circa le nostra attività?
ISCRIVITI al servizio Newsletter

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL
Back To Top