I Parchi di Taranto: Oasi Tra i Due Mari

I parchi di Taranto sono spazi verdi che versano in uno stato di abbandono, perdendo il loro potenziale di luoghi di incontro e di cultura

A Taranto numerosi parchi e aree verdi raccontano la storia e offrono spazi di natura e relax. Tuttavia, molti di questi preziosi spazi verdi versano in uno stato di abbandono, perdendo il loro potenziale di luoghi di incontro e di cultura. Da Villa Peripato, con la sua vista mozzafiato sul Mar Piccolo, alla Pineta Cimino, un tempo oasi rigenerante, la mancanza di manutenzione e cura ha ridotto questi spazi a mere ombre del loro splendore passato. Questa situazione evidenzia la necessità urgente di interventi di conservazione e valorizzazione per riportare alla luce il vero potenziale di questi polmoni verdi urbani.

Taranto, la Città dei Due Mari, è ricca di parchi e aree verdi che raccontano la storia e la cultura della città. Tuttavia, molti di questi spazi sono attualmente in uno stato di abbandono, nonostante il loro valore storico e naturale.

Villa Peripato: Questo storico giardino domina il Mar Piccolo, ma oggi si presenta in stato di trascuratezza. Originariamente un esempio di giardino eclettico dell’Ottocento, ha subito nel tempo numerosi rimaneggiamenti e abbattimenti. Nonostante la sua importanza come riserva archeologica, Villa Peripato lotta per mantenere il suo fascino originale a causa di incuria e vandalismo.

Pineta Cimino: Una volta rivitalizzata dopo un periodo di degrado, questa pineta offre spazi per attività all’aria aperta e passeggiate nella natura. La sua posizione panoramica sul Mar Piccolo è unica, ma le condizioni attuali potrebbero non riflettere pienamente il suo potenziale a causa di una manutenzione insufficiente.

Parco Archeologico delle Mura Greche: Dedicato alla memoria dell’archeologo Pierre Wulleumier, questo parco è un sito di grande valore storico. La mancanza di attenzione e conservazione compromette però la sua importanza culturale e la possibilità per i visitatori di esplorare appieno il patrimonio archeologico di Taranto.

Oasi Mare Chiaro e Oasi Palude la Vela: Queste riserve naturali, un tempo vivaci stabilimenti balneari, ora versano in uno stato di abbandono. La loro conservazione è fondamentale per proteggere la biodiversità e l’ecosistema unico del Mar Piccolo.

Fiume Galeso: Progettato per essere il cuore di un Bioparco Letterario, oggi il Galeso è un esempio di potenziale inespresso, con mancanza di fondi che ne impediscono la piena valorizzazione.

I parchi di Taranto rappresentano un patrimonio naturale e culturale di grande valore. La loro attuale condizione di abbandono non solo priva i cittadini di Taranto e i visitatori di spazi verdi fruibili, ma sottolinea anche la necessità urgente di interventi di conservazione e valorizzazione per preservare questi luoghi per le generazioni future.

Vuoi essere aggiornato circa le nostra attività?
ISCRIVITI al servizio Newsletter

I parchi di Taranto sono spazi verdi che versano in uno stato di abbandono, perdendo il loro potenziale di luoghi di incontro e di cultura

CONDIVIDI SUI TUOI SOCIAL
Back To Top

My Agile Privacy
Utilizziamo i cookie, inclusi quelli di terze parti, per raccogliere informazioni sull’utilizzo del nostro sito web da parte dei visitatori. I dati personali raccolti sono utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. I cookie sono utili per garantire agli utenti un'esperienza di navigazione ottimale, per migliorare costantemente il nostro sito e, previo consenso, possono essere utilizzati dai nostri partner per mostrare pubblicità personalizzata mostrando agli utenti offerte adatte ai loro interessi.

Facendo clic sul pulsante "Accetta", acconsenti l’utilizzo di tutti i cookie, compresi quelli utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari in base ai tuoi interessi. Chiudendo questo banner o continuando con i cookie essenziali verranno utilizzati esclusivamente i cookie tecnici e analitici per i quali non è necessario il tuo consenso. In qualsiasi momento puoi revocare il consenso a tutti o alcuni cookie cliccando sul pulsante "Preferenze Cookie", sempre raggiungibile dal footer del sito.

Informazioni più dettagliate sull’utilizzo dei cookie sono disponibili nella nostra privacy & cookie policy